giovedì 24 settembre 2015

Istituto Tecnico Nautico ed EIVA DAY. A colloquio con la preside Morsellino

"La scuola rappresenta ancora un luogo di cultura, aggregazione ma anche di iniziative a sostegno del futuro dei giovani". Sembrerebbe questo il leitmotiv che anima il lavoro della professoressa Brigida Morsellino, Dirigente Scolastico del Politecnico del Mare "Duca Degli Abruzzi".


La Preside, Brigida Morsellino 
Abbiamo il piacere di prendere un caffè con la professoressa e di fare quattro piacevoli chiacchiere all'interno del suo ufficio, uno dei più panoramici degli Istituti scolastici catanesi con vista mare

Preside Morsellino, ci racconti un po la sua vita professionale

Con molto piacere reggo il timone (è il caso di dirlo) dell'Istituto Tecnico Nautico "Duca degli Abruzzi" già da tre anni, con alle spalle trentadue anni di servizio di cui nove di presidenza. Mi sento ormai navigata in questo mondo e penso di avere tutte le carte in regola per poter affrontare al meglio la direzione di una scuola

Che situazione ha trovato quando è divenuta preside dell'Istituto?

Non mi piace mettere in risalto gli aspetti controversi e negativi di qualsivoglia situazione ma amo evidenziare quelli positivi.
Ci troviamo di fronte a un istituto dalle grandi potenzialità, un istituto, forse uno dei pochi a Catania in grado di offrire uno sbocco lavorativo a tanti giovani.
Un aspetto debole  da potenziare e migliorare  è sicuramente la tendenza da parte dei docenti a  lavorare in solitudine senza creare rete fra di loro e le diverse figure interne all'istituto. E’  una scuola che,circa tre anni fa non aveva moltissimi iscritti; la vision dell’istituto non era molto positiva: si pensava fosse frequentata per la maggior parte dei casi da studenti disagiati e con aspirazioni mediocri.
Abbiamo lavorato molto su questi aspetti e continueremo ancora a migliorarci nonostante ad oggi possiamo dire di non avere più problemi di iscrizioni e di accogliere studenti motivati, seguiti e con aspirazioni alte e di qualità.

Ci parli dell'Istituto che presiede

Posso confessarle con molta sincerità che sono orgogliosa di presiedere questo istituto e di lavorare per creare condizioni migliori per i nostri giovani.
Oltre l'Istituto Tecnico Nautico, che formerà ottimi professionisti nel campo della navigazione, abbiamo anche un istituto professionale "Industria e artigianato" con filiera del mare ,che consente ai giovani di potersi inserire immediatamente nel mondo del lavoro.
Oggi, le famiglie sono molto attente a orientare i figli alla scuola e la possibilità di uno sbocco lavorativo a fine studi rappresenta sempre un traguardo importante.
All'interno del nostro Istituto svolgiamo diversi corsi di formazione, a costo zero per i nostri studenti, arricchendo notevolmente la nostra offerta formativa, ed a pagamento per gli esterni. Rispetto ai primi potrei elencarne diversi: corsi di nuoto, di vela, di voga, di sub; per i secondi, visto che la scuola è centro di formazione accreditato dal MIT per il personale marittimo,vorrei citarne alcuni: corsi di allineamento, corsi direttivi e corsi IMO.

Cosa vorrebbe migliorare?

Mi piacerebbe che si migliorassero le strategie metodologiche, in quanto questo comporterebbe un miglioramento ai livelli ed alla qualità dell’apprendimento.. Vorrei ricordare anche il rapporto con le aziende locali, il mondo del lavoro e dell'Università, spesso un poco lontana dal "sistema scuola".

Cosa ne pensa dell'evento EIVA DAY 2015, evento di portata internazionale che si terrà a Catania?

Se non avessi creduto in questa opportunità non  avrei  ospitato l’evento. La scuola non è un'azienda, ma deve creare tutti i presupposti  per allacciare buoni rapporti commerciali ed aziendali con realtà che possano favorire il nostro patrimonio giovanile ed il nostro territorio.
Credo che questa sia una buona opportunità di arricchimento culturale, commerciale e aziendale che non andava ignorata

Che consiglio si sente di dare a un ragazzo neodiplomato?

Essere coraggiosi. Mostrare coraggio di fronte a qualsiasi realtà e affrontare i problemi con caparbietà perchè è necessario credere sempre nelle proprie possibilità, nelle proprie forze per affrontare perbene il proprio futuro 

Nessun commento:

Posta un commento